Archivio Tag: benessere

Beauty H2O | Per idratare la pelle lʼacqua non basta più

Sieri e creme intelligenti dissetano la pelle in modo mirato, maschere effetto splash nutrono le riserve idriche. I nuovi idratanti hanno formule tutte nuove. Ecco la nostra top list.

Noi siamo acqua. Lo diceva anche Derek Zoolander: «L’acqua è l’essenza dell’idratazione e l’idratazione è l’essenza della bellezza». Basti pensare che il corpo di un neonato è fatto per l’80 per cento d’acqua: quantità che si disperde prima con la crescita e si riduce via via con gli anni. Sì, ne consumiamo tanta, anche respirando e attraverso i pori della pelle.

 

C_2_fotogallery_3089818_1_image

Per questo re-idratarsi è un gesto essenziale per il nostro benessere. E, tutto sommato, noi italiani ci comportiamo in modo corretto. Secondo una ricerca condotta da SodaStrema, azienda israeliana che produce uno strumento per rendere gasata l’acqua, il 63 per cento delle donne e il 56 per cento degli uomini segue, la regola degli “otto bicchieri” al giorno. I segnali che il corpo ci invia in caso di crisi idrica sono tanti: poca concentrazione, cali di memoria (anche il cervello è fatto d’acqua al 90 per cento) e sbalzi d’umore sono solo alcuni.

La stessa sensazione della sete indica che siamo in deficit d’acqua dal 3 al 5 per cento. E poi ci sono i segni che si leggono sul viso. Oltre alla secchezza che si avverte al tatto e all’aspetto spento della pelle,  più tirata e segnata, l’epidermide risulta meno elastica.

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/beauty-h2o-per-idratare-la-pelle-l%ca%bcacqua-non-basta-piu/

Bruciare i grassi: i fitness e gli allenamenti più efficaci

Non ci sono scappatoie: per dimagrire e bruciare il grasso occorre mangiare di meno e muoversi di più. Da questo punto di vista però non tutte le forme di allenamento sono altrettanto efficaci: se il nostro obiettivo è perdere qualche chilo, possiamo ottimizzare i nostri risultati scegliendo gli sport e i fitness più adatti per raggiungere l’obiettivo e tenere presenti alcune linee generali utili per ottimizzare il tempo che abbiamo a disposizione per l’attività fisica.

Stephanie-Davies-INstagram

 

L’INTENSITA’ – E’ ormai comprovato che per perdere peso gli allenamenti ad alta intensità sono più efficaci di quelli a intensità media o bassa. Questi ultimi, è vero, vanno a bruciare soprattutto i grassi mentre le discipline ad alta intensità consumano maggiormente le calorie, ma va da sé che le calorie non consumate si trasformano nuovamente in grassi, riformando immediatamente i depositi appena bruciati. Quindi, rassegniamoci: per far fuori cuscinetti e rotolini occorre sudare. E’ bene anche ricordare che, per innescare il meccanismo brucia calorie, occorre protrarre l’esercizio per almeno 15-20 minuti. Gli allenamenti ad alta intensità, inoltre, hanno la capacità di attivare il metabolismo meglio degli esercizi lievi, continuando a bruciare calorie anche nelle ore successive al workout.

CAUTELE – Gli esercizi ad alta intensità non sono però adatti a tutti: per questo prima di cominciare ad allenarsi occorre consultare il medico e verificare la funzionalità cardiaca e polmonare. Devono prestare attenzione anche le persone che soffrono di pressione alta e chi ha problemi all’apparato scheletrico e ai legamenti. Come sempre, è opportuno essere seguiti da un istruttore qualificato che saprà guidarci nella scelta degli esercizi e aiutarci a ottenere i migliori risultati.

L’ORA DELL’ALLENAMENTO – La cronobiologia, la scienza che studia i fenomeni periodici (quelli cioè che si ripetono in modo ciclico) negli organismi viventi, ha dimostrato che i livelli di alcuni ormoni sono più alti di primo mattino, per la precisione intorno alle 7. Le sostanze in questione sono due: il cortisolo e il GH (Growth hormone), l’ormone della crescita. Dato che queste due sostanze sono particolarmente attive nella lipolisi, ovvero nel consumo dei grassi, può essere utile sfruttare questo momento della giornata per fare sport. Per massimizzare il risultato è meglio fare movimento prima di colazione perché i livelli di GH sono più alti a digiuno. Subito dopo l’allenamento è necessario concedersi una sana prima colazione, per reintegrare le risorse di energia.

ALTERNARE LO SFORZO- Sempre nell’ottica di bruciare più calorie possibile, si è dimostrato particolarmente efficace alternare diversi round di esercizi brevi e molto intensi intervallati da fasi di esercizio più leggero, per un workout complessivo di 30 minuti, con esercizi che coinvolgano le diverse masse muscolari del corpo. L’ideale è eseguire blocchi di allenamento di 4 minuti alternando esercizi di resistenza massima a fasi di allenamento aerobico con brevi periodi di riposo.

LE DISCIPLINE PIÙ EFFICACI: L’ALLENAMENTO CALISTENICO – E’ una disciplina ormai molto diffusa nelle nostre palestre: sfrutta il peso del corpo e la forza di gravità come se fosse un attrezzo ginnico. Si fa a corpo libero e prevede un workout molto intenso a livello cardiocircolatorio e respiratorio, molto efficace per dimagrire e per garantire armonia muscolare, visto che coinvolge tutto il fisico.

HIGH INTENSITY INTERVAL TRAINING (HIIT) – Questo allenamento cardiovascolare si basa sull’alternanza di lavoro a bassa ed alta intensità: nelle prime la frequenza cardiaca deve rimanere intorno al 60% della frequenza massima, mentre nei momenti di picco deve salire fino all’80- 90% del massimale. Questi momenti di picco possono durare per un periodo breve (dai 30 ai 60 secondi), per tornare poi subito a una frequenza più bassa. Il lavoro è ciclico e una sessione dura in genere dai 20 ai 40 minuti. Ad esempio, per cominciare, dopo qualche minuto di riscaldamento, si alternano 3 minuti di camminata o di corsa leggera a 20 secondi di scatto, da alternare senza fermarsi per tutta la durata dell’allenamento.

LA CORSA – E’ un ottimo esercizio brucia grassi. Si può correre all’aria aperta, privilegiando i liuoghi in cui l’aria è più pulita, ma sono ottimi anche i tapis roulant della palestra e, al limite, la corsa sul posto, da fare anche senza uscire di casa. Ricordiamo di riservare qualche minuto, a fine allenamento, a un po’ di stretching per decontrarre e “allungare” i muscoli.

LA BICICLETTA – L’ideale è pedalare all’aperto, su una ciclabile o fuori città, ma anche la classica cyclette può essere una valida soluzione. Esistono moltissimi programmi e app che propongono piani di allenamento personalizzati per pedalare in modo efficace e massimizzando i risultati brucia calorie.

SALTARE LA CORDA – E’ un’attività facile e divertente, che ha il merito di ricordarci un po’ i giochi che facevamo da bambini. Questo modo di allenarsi un tempo era praticato soprattutto dai pugili, ma è diventato molto di moda anche fra le attrici e le modelle. E’ un fitness che fa innalzare immediatamente la frequenza del battito cardiaco e la sudorazione, bruciando molte calorie in breve tempo. Migliora la circolazione, la respirazione, l’agilità e tonifica tutta la muscolatura. Per ammortizzare meglio gli impatti sul terreno è opportuno adoperare delle scarpe adatte e saltare su un pavimento di legno. L’allenamento deve durare 20-30 minuti senza interruzioni: per cominciare l’ideale è alternare due minuti di corda con esercizi di push up sulle braccia.

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/bruciare-i-grassi-i-fitness-e-gli-allenamenti-piu-efficaci/

Raffreddore: cinque consigli utili per evitarlo

Ci siamo: ormai siamo in autunno e le temperature, soprattutto nelle prime ore della giornata e alla sera, diventano decisamente più rigide. L’escursione termica è elevata e così, mentre quando usciamo al mattino per recarci al lavoro o a scuola sembriamo quasi degli eschimesi, durante le ore più calde della giornata potremmo addirittura girare in maglietta. Ed è proprio qui che il pericolo raffreddore si fa evidente: perché scoprirsi e cadere vittima dello spiffero o della folata di aria gelida di turno è un attimo.

C_2_articolo_3166841_upiImagepp

Possiamo tuttavia tentare di difenderci dal raffreddore in agguato con pochi e semplici accorgimenti: ecco quali sono.

Siamo quello che mangiamo: una sana alimentazione, ormai lo sappiamo, è fondamentale per il buon funzionamento del nostro organismo. La prima regola dunque è non saltare mai la prima colazione, mangiare almeno tre volte al giorno non dimenticando frutta e verdura, evitare bevande zuccherate e in generale limitare l’apporto di zuccheri. I digiuni inoltre vanno decisamente evitati: non solo non fanno perdere peso, ma anzi minano l’organismo perché il corpo percepisce il digiuno come uno stress importante.

Mens sana in corpore sano: fare attività fisica è fondamentale per il nostro benessere. Non occorre trascorerre ore in palestra, basta anche solo una passeggiata all’aria aperta per una trentina di minuti al giorno. L’esercizio riattiva la circolazione del sangue potenziando la funzione immunitaria.

Lavati le mani: quante volte ce lo siamo sentito dire e quante volte lo abbiamo detto ai nostri figli? L’igiene delle mani è fondamentale ed è una buona abitudine indispensabile per evitare contagi: mai mettersi a tavola, mai toccarsi il viso con le mani sporche. In commercio esistono molti prodotti in grado di sterilizzare le mani allontanando batteri e virus: oltre che su quelle dei più piccoli, impariamo ad utilizzarli sulle nostre mani quando siamo fuori casa.

Take it easy: lo stress è uno dei nostri peggiori nemici e va tenuto lontano il più possibile. Lo stress infatti indebolisce le difese del nostro organismo a causa del rilascio del cortisolo, l’ormone che riduce anche le difese immunitarie. Una vita troppo frenetica è decisamente nemica della nostra salute, rallentare i ritmi dovrebbere essere un must.

Tra le braccia di Morfeo: un buon sonno ristoratore è la miglior medicina per non ammalarsi. Sette o otto ore dovrebbero essere sufficienti a ricaricare le pile e a darci la giusta energia per affrontare la giornata e il mondo esterno. La carenza di sonno, specie se cronica, porta con sé il serio abbassamento delle difese immunitarie: meglio dormirci su.

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/raffreddore-cinque-consigli-utili-per-evitarlo/

Pelle a tutta luce: ecco come crearla in quattro mosse

Detersione, esfoliazione, idratazione e un effetto glow. Perché al cambio di stagione la pelle del viso ha bisogno di cure speciali per essere radiosa.

Detersione hi-tech
La rinascita comincia dall’acqua  e quella della pelle, in particolare, dalla nuova tendenza della detersione che la utilizza in sinergia con apparecchi massaggianti hi-tech. Il prodotto giusto: la spazzola supersonica compatta e waterproof Clarisonic che, con le sue 300 micro-oscillazioni al secondo elimina impurità, residui di trucco e protezioni solari. Due le modalità: pulizia delicata da 60 secondi o pulizia normale da 80 con la testatina Radiance, che migliora la grana della pelle regalando nuova luce.

C_2_articolo_3161157_1_upiImmagineparagrafo

Micro esfoliazione effetto glow
Adatto a tutti i tipi di pelle, un tonico illuminante ad uso quotidiano che stimola il naturale rinnovamento della pelle, proteggendola, riparandola ed idratandola. Grazie alla presenza di Alfa Idrossi Acidi (AHA) naturalmente presenti nella frutta tropicale, READY STEADY GLOW di Ren, esfolia delicatamente la pelle che appare subito levigata e luminosa, decongestionando i pori e riducendo le imperfezioni.

Maschera illuminante
Le maschere per il viso sono tra gli oggetti del desiderio cosmetico più amati e, oggi, tra i più esibiti sui social. Dr. Jart+, marchio Dermatologico Mondiale, Basato sulla tecnica della maschera modellante, presenta Rubber Mask realizzata  in caucciù, materiale che non permette la dispersione di nessun principio e rilascia il 100% degli ingredienti sulla pelle. La linea Rubber Mask è studiata per 3 specifiche esigenze della pelle: idratazione, luminosità (foto) e compattezza.

Il siero (e non solo) 
Il brand “purity made simple” di Philosophy è appena approdato in Italia. I prodotti sono scientificamente sviluppati per sfruttare la forza della natura abbinandola alla scienza, per offrire risultati clinicamente testati e visibili all’istante. Tra i quattro prodotti spicca il siero idratante e illuminante realizzato con una formula ultra light arricchita con vitamine, antiossidanti e olii naturali che lascia la pelle idratata per oltre 24 ore.

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/pelle-a-tutta-luce-ecco-come-crearla-in-quattro-mosse/

Marco Bocci racconta la malattia: «Un herpes dalle labbra mi è arrivato al cervello»

Marco Bocci ha raccontato per la prima volta la sua malattia, quella che lo ha costretto a un lungo ricovero: tutto è cominciato con un banale herpes alle labbra.

Marco Bocci ha scelto Verissimo per parlare per la priva volta del grave problema di salute che lo ha colpito nel maggio scorso. Ai microfoni di Silvia Toffanin, l’attore racconta: «Quando fai troppo il tuo corpo ti dice che forse ti devi riposare un attimo.

marco bocci malattia_28144553

Quando sei stanco non hai difese immunitarie e il tuo corpo non riesce a proteggersi come dovrebbe. A me è successo di pensare di avere una sciocchezza, un semplice herpes e invece lo stesso herpes non si è fermato alle labbra, ma è andato fino al cervello».

In merito alle emozioni provate in quei momenti Marco confida: «Fortunatamente la causa è stata individuata immediatamente ed è andato tutto bene. Laura (Chiatti ndr) mi è stata vicino. In quei giorni mi sono arrivati tanti messaggi e ho sentito il bene delle persone. Per questo motivo mi è sembrato doveroso ringraziare tutti attraverso un video messaggio».

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/marco-bocci-racconta-la-malattia-un-herpes-dalle-labbra-mi-e-arrivato-al-cervello/

Sopracciglia: belle e curate in poche e semplici mosse

La moda le vuole ben disegnate e dalle proporzioni calibrate al viso: qui i suggerimenti per una sessione beauty fai-da-te.

Incorniciano gli occhi ed regalano equilibrio al volto: le sopracciglia sono ormai sotto i riflettori e sono diventate un elemento di bellezza di primissimo piano. Ecco qualche piccolo trucco per avere le sopracciglia belle e in ordine come farebbe l’estetista!

Adesso abbiamo (ri)scoperto che le sopracciglia ben disegnate, con proporzioni calibrate al volto, fanno la differenza. Nei social impazzano i tutorial e le ragazze ormai non ne possono fare più a meno… una vera addiction, insomma! Proviamo quindi a fare un po’ di chiarezza sui basic per avere delle sopracciglia bellissime (e sentirci un po’ come le star!)

Attrezzati: Per iniziare, occorrono ovviamente specchio, pinzetta e spazzolino per sopracciglia. Prima di tutto, occorre pettinare l’arco verso l’alto e ciò esce dal disegno, sia sopra che sotto, va tolto così da avere un arco deciso e pulito. Per facilitare lo sfoltimento, meglio eseguire l’operazione dopo un bagno caldo che dilata i pori, ricordiamoci sempre di strappare un pelo per volta e nella direzione di crescita. Se il dolore è insopportabile un cubetto di ghiaccio sarà sufficiente ad anestetizzare la parte da depilare.

C_2_fotogallery_3081129_1_image

Modella: La pinzetta è un’alleata e va utilizzata con attenzione: non pensate che si tratti del napalm nella foresta vietnamita! Ciò che conta è eliminare qualche peletto nella parte finale del sopracciglio al fine di creare un leggero rialzo che renda più aperto lo sguardo e più espressivo il volto. Il segreto per avere sopracciglia perfette è disegnarle senza modificare la loro forma naturale e per farlo, l’importante è seguire l’osso facciale dell’orbita dell’occhio.

Focalizza: Non sempre quel che sta bene alle modelle si adatta anche al nostro viso: focalizziamoci dunque sulla forma del nostro volto per intervenire con armonia. No agli archi spigolosi, che restituiscono un’espressione accigliata e induriscono il volto, ma anche alle sopracciglia troppo folte, che appesantiscono lo sguardo, così come a quelle troppo sottili, che invecchiano. Assolutamente da evitare le “sopracciglia piangenti”, cioè quelle all’ingiù perché intristiscono, e quelle molto arcuate che ci fanno sembrare un po’ spiritate e danno un’aria inquietante.
Va sempre tenuta ben pulita la parte tra le due radici, per dare apertura allo sguardo. Attenzione però a non distanziare troppo le sopracciglia: il rischio è di mettere in evidenza il naso e dare un aspetto innaturale al viso.

Trucca: Per riempire i vuoti dopo l’opera della pinzetta si può lavorare con la matita, che deve essere quella per sopracciglia, dura al punto giusto per non colare. La parola d’ordine in questo caso è “naturale” quindi attenzione alla scelta del colore (il nero va evitato come la peste perché dà un effetto artificiale). I colori? Eccoli: marrone per le brune, nocciola per le castane, miele per le bionde e rosse, ma anche grigio per chi è biondo cenere o ha i capelli bianchi.

Impara: Ancora qualche dubbio? In questo caso, niente di meglio che copiare: se la prima volta andiamo dall’estetista stiamo attente e cerchiamo di capire come procede: dopo, rifarlo a casa, sarà un gioco da ragazzi… o quasi!

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/sopracciglia-belle-e-curate-in-poche-e-semplici-mosse/

Bella e profumata per tutto il giorno si può: ecco come

Si sta avvicinando la bella stagione e può capitare che, passando da un ambiente molto freddo a uno caldo, si possa sudare. Tuttavia a volte non avere un buon odore può dipendere da altri fattori, come l’alimentazione, oppure gli sbalzi ormonali e da molto altro. Quindi, prima di fasciarci la testa e mettere mano pesantentemente al nostro borsellino per svaligiare una profumeria, proviamo a capire cosa possiamo fare per eliminare o correggere il tiro e avere una pelle profumata naturalmente.

Bella e profumata per tutto il giorno si può: ecco come

Diciamocelo : la nostra pelle ha un suo odore naturale, che non è detto sia proprio bello talvolta.
Essere e sentirsi belle profumate però non è un miraggio per nessuno, quindi prima di alzare bandiera bianca o farsi prendere dal panico per la riunione imminente col capo o un incontro galante, proviamo a capire cosa possiamo fare per garantirci freschezza e buon odore più a lungo possibile.

Chi ben comincia: il mattino ha l’oro in bocca, dicevano le nostre nonne. Anche la doccia, aggiungerei. Sì perché di notte comunque si suda, perfino durante la stagione fredda, quindi chi di noi ha un odore particolarmente forte può far scivolare via il sudore e darsi una ventata di energia sotto una bella e rapida doccia mattutina. Naturalmente, la scelta del bagno schiuma o del detergente ha la sua importanza: meglio ricorrere a prodotti naturali e delicati che non stressino troppo la nostra epidermide. Non dimentichiamo inoltre di fare almeno due volte alla settimana uno scrub casalingo: eliminare le cellule morte favorendo il turn over cellulare permetterà alla pelle di respirare meglio e di detergersi accuratamente. Svegliamoci con brio!

Risultati immagini per Bellezza e profumeria

A voi la scelta: dopo la doccia, occorre completare la beauty routine con un deodorante. Quale scegliere? Tanto per cominciare, preferiamo quelli senza alcol, decisamente più delicati, e poi cerchiamo di capire quale profumazione ci starebbe meglio addosso. Non abbiamo tutti gli stessi gusti, ma non abbiamo nemmeno tutti le stesse reazioni alle fragranze: ecco perché bisogna avere la pazienza di provare su polsi o sul dorso delle mani il deodorante e decidere se ci sta bene o no. Il consiglio furbo? Se sudiamo molto durante il giorno, portiamoci in borsetta un piccolo deodorante roll-on da mettere circa ogni tre-quattro ore: risultato (e profumo) assicurato.

Risultati immagini per Bellezza donne

Mai senza: l’avvio di giornata è sempre piuttosto convulso: preparare i figli per la scuola, stendere il bucato avviato nella notte, prepararsi per correre a lavorare è una routine davvero complicata. Tuttavia per il nostro benessere e per essere certe di arrivare profumate fino a sera, completare la toilette del mattino con un po’ di crema corpo profumata e leggera sarà sicuramente una carta vincente che dovremmo giocarci con la sicurezza di aver fatto la cosa giusta. A prescindere dalle ascelle, tutta la nostra epidermide traspira durante il giorno e quindi stendere un velo di emulsione idratante e discretamente profumata, oltre che regalarci una sensazione di pelle setosa al tatto, sarà un valido aiuto per sentirci sicure di noi stesse. E se le estremità puzzano? Per evitare di aver un brutto odore dei piedi basta asciugarli molto bene prima di indossare i calzini e mettere nelle scarpe un po’ di talco profumato. Risultato garantito.

Partiamo dalla cima: anche i capelli possono avere un cattivo odore a causa del sebo in eccesso, dello smog, del fumo, del cibo. Se abbiamo capelli grassi che non hanno un buon odore, proviamo a lavarli più spesso, ma con shampoo non troppo aggressivi. Ogni quanto lavarli?

Risultati immagini per Bellezza e profumeria

Lavare i capelli troppo di frequente può stimolare la cute a produrre ancora più sebo e quindi ad avere un odore sgradevole. Il consiglio beauty? Possiamo provare a utilizzare uno shampoo a secco fatto in casa con l’amido di riso. Sarà sufficiente mettere in un barattolino un po’ di amido ed aggiungere tre gocce di un cantanteolio essenziale profumato e delicato come, ad esempio, quello alla lavanda. Massaggiare la polvere sulla cute e poi strofinare i capelli con un asciugamano sarà sufficiente per asciugare il sebo in eccesso e profumare anche la nostra chioma. Se poi vogliamo amplificare l’effetto, dopo la piega possiamo spruzzare in testa un po’ del nostro profumo preferito. Un vero must da non dimenticare mai.

Occhio alla dieta: siamo quello che mangiamo e nel caso dell’odore della nostra pelle questa affermazione non potrebbe essere più vera. I cibi estremamente grassi, così come i fritti, possono causare una sudorazione eccessiva e, di conseguenza, cattivo odore. Se vogliamo profumare tutto il giorno bisogna iniziare cambiando alimentazione, eliminando o diminuendo i cibi fritti, gli insaccati, i superalcolici e via discorrendo. Forme, e soprattutto profumo, salvati!

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/bella-e-profumata-per-tutto-il-giorno-si-puo-ecco-come/

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/lorella-cuccarini-e-vittoria-belvedere-lasportazione-della-tiroide-come-vivono-e-cosa-e-cambiato/

Chiara Ferragni, gravidanza a rischio: “Il pancino non cresce, lo sviluppo di Leone indietro di 2 settimane”

Chiara Ferragni e Fedez preoccupati. L’influencer più famosa del mondo avrebbe un problema con la gravidanza, la placenta starebbe invecchiando e il pancino non sarebbe cresciuto abbastanza. A rivelarlo è proprio il rapper milanese, che nelle stories di Instagram spiega cosa sta succedendo: “Da un giorno all’altro sono cambiate le nostre priorità”.

3568973_1020_chiara_ferragni_gravidanza_problemi

“Sono state giornate un po’ tese, finalmente adesso va un po’ meglio. Purtroppo il pancino di Leone non stava crescendo abbastanza. Adesso Chiara si sta riposando ma va tutto bene. È veramente incredibile come un giorno con l’altro cambi la scala delle priorità della vita e ti faccia capire che forse avevi messo al primo posto cose che erano totalmente inutili. Quindi vi consiglio di godervi i momenti belli, non è facile farlo”, racconta il cantante.

E continua: “Praticamente la placenta sembrerebbe funzionare un po’ peggio, sembra stia invecchiando. Sembrerebbe un decorso fisiologico della placenta che porta il pancino di Leo a non crescere. In questo momento lo sviluppo è indietro di due settimane. C’è chi mi sta scrivendo che è Chiara che non riposa abbastanza e non mangia bene, purtroppo non è così o lo avremmo già risolto”.

Anche la futura mamma è intervenuta su Instagram, per spiegare la situazione: “Gli ultimi due giorni sono stati un turbinio. Mercoledì mattina abbiamo fatto l’ecografia di routine e il nostro ginecologo ha scoperto che il pancino di Leo non sta crescendo quanto dovrebbe. Forse perché la placenta sta invecchiando e non funziona correttamente. Sono stata messa a riposo. Devo davvero rilassarmi (ho dovuto cancellare tutti i restanti impegni qui) e ora devo fare delle visite due volte a settimana per essere sicura che Leoncino stia bene. Abbiamo fatto la prima oggi e i risultati sono molto migliorati, sta riposando e crescendo più forte. Grazie per il sostegno e mi scuso se i miei post non saranno esaltanti come al solito. Mi piacerebbe sentire le vostre storie. #LeoncinoMio”.

E Fedez conclude chiedendo un favore ai fan: “Scrivete soprattutto a Chiara in questi giorni, tenetele compagnia mi raccomando. È bello condividere questo genere di cose. Non tanto per farvi sapere i caz** nostri, ma è un modo per esorcizzare dei momenti no e per sfogare. Se qualcuno ha avuto un’esperienza simile scriveteci”.

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/chiara-ferragni-gravidanza-a-rischio-il-pancino-non-cresce-lo-sviluppo-di-leone-indietro-di-2-settimane/

Freddo, freddissimo: ecco come proteggere le nostre mani

Guanti o non guanti il fatto è che il freddo prende di mira la nostra epidermide. Prenderci cura del nostro viso è ormai una buona consuetudine, ma anche le nostre estremità meritano altrettanta attenzione. Anzi, le mani, super esposte alle intemperie e al gelo, hanno bisogno di una protezione in più. Ecco allora qualche suggerimento per una beauty routine che ci restituisca una pelle liscia, sana e morbidissima.

Freddo, freddissimo: ecco come proteggere le nostre mani

Pulite sì, ma…: dopo una giornata trascorsa fuori casa, appena rientrate sentiamo la necessità di lavarci le mani con una bella insaponata per ritrovare la freschezza della pulizia. Tuttavia, quando fa freddo la pelle è secca e necessita di qualche attenzione in più. Il primo consiglio è quello di evitare una quantità eccessiva di sapone e piuttosto utilizzare semplice acqua tiepida. Detergenti troppo aggressivi infatti possono danneggiare l’epidermide. Il secondo suggerimento è stendere un po’ di olio vegetale sulle mani prima di lavarle: morbidezza e idratazione assicurate!

Belle naturalmente: un alleato insospettabile, ma assai prezioso, è l’olio di oliva. La pelle del viso e delle mani è la più esposta al freddo, ecco perché a fine giornata non dobbiamo dimenticare di massaggiare l’epidermide con l’olio per dare sollievo a screpolature e tagli. E’ sufficiente versare qualche cucchiaio di miele in una ciotola a cui aggiungere l’olio extravergine e un po’ di latte o yogurt in modo da ottenere un composto fluido, non troppo liquido. Oltre alle mani, questo impacco è utilissimo su tutto il corpo, dove possiamo utilizzarlo nei punti dove sentiamo più fastidio. Forse non tutte sappiamo che il miele è un antibiotico naturale e aiuta la guarigione dell’epidermide favorendo la cicatrizzazione.

Mai abbassare la guardia: tra le creme, è preferibile scegliere quelle composte da materie prime di qualità: un aiuto per la salute della nostra pelle e anche per quella dell’ambiente. Sì agli ingredienti naturali come burro di cocco e karitè, ricchi di proprietà e in grado di contrastare l’invecchiamento precoce, e all’olio di mandorle, ricco di vitamina E.

Il tocco magico: non tutti sanno che penetrando negli strati profondi, l’olio nutre e protegge la pelle. Ecco perché, prima di andare a dormire, sarebbe davvero indispensabile massaggiare le mani lentamente, facendo penetrare a fondo l’olio e riattivando la circolazione. Meglio sarebbe partire dalle punta delle dita arrivando su su fino al gomito. Per non ungere le lenzuola, si possono infilare un paio di guantini di cotone, un trattamento da spa in grado di dare sollievo alle mani arrossate e screpolate.

Permalink link a questo articolo: https://dietabenessereebellezza.myblog.it/freddo-freddissimo-ecco-come-proteggere-le-nostre-mani/

Post precedenti «

Carica ulteriori elementi